il CSI Vallecamonica in Congo per educare allo sport

Il CSI Vallecamonica in Congo per educare allo sport

L’anno delle Olimpiadi è la cornice perfetta per il decollo di un progetto di volontariato sportivo internazionale del Centro Sportivo Italiano. La campagna «Csi per il Mondo» è articolata in diverse missioni internazionali nelle periferie del pianeta, e ha l’obiettivo di portare un po’ di speranza utilizzando il modello sportivo educativo dell’associazione. Sono in numero crescente le nazioni che chiedono di entrare a far parte del progetto e di avere a disposizione i volontari del CSI per insegnare e far praticare lo sport; Haiti, Camerun, Albania e Brasile sono le missioni principali nel 2016 alle quali si aggiungono interventi in Nepal, Zambia, Tanzania, Repubblica Centrafricana, Sahara Occidentale, Palestina, Siria, Mozambico, Benin, Congo, Bulgaria, Ecuador e altri ancora. Anche il CSI di Vallecamonica contribuisce all’iniziativa con una spedizione di volontari in partenza giovedì 28 luglio per la Repubblica Democratica del Congo. Il vice presidente dell’associazione sportiva camuna, Tomaso Pietro Bottichio, insieme a Chiara Pedersoli, Davide Franzoni e Daniele Cortesi saranno impegnati per tre settimane nella missione di Ndosho dove operano padre Gianni Pedrotti e le suore Dorotee di Cemmo. Nella prima settimana di permanenza nella missione la spedizione camuna incontrerà le comunità parrocchiali dislocate nella zona del lago di Kivu occupandosi di interventi informatici e di alcune attività con i ragazzi nelle missioni. Il cuore del progetto “Sportivi senza confini” è rappresentato dalla formazione degli educatori locali. La settimana di formazione, ospitata a Goma, prenderà il via martedì 9 agosto ed è articolata in una parte teorica con lezioni sullo sviluppo motorio, la programmazione degli allenamenti, i regolamenti, le formule di svolgimento e la gestione dei tornei e la tattica. Alcuni di questi incontri si occuperanno dei valori dello sport, delle dinamiche di gruppo, dell’organizzazione sportiva e dei ruoli al suo interno e dell’organizzazione di feste dello sport. Questi insegnamenti saranno poi tradotti sul campo con la parte tecnica dedicata principalmente al calcio e l’organizzazione di giochi polivalenti legati anche alle tradizioni popolari della zona. Durante la permanenza a Goma il quartetto del CSI camuno parteciperà, animandolo, all’incontro regionale dei giovani, in programma dal 12 al 14 agosto, promosso dalla diocesi. “Lo scopo della missione - sottolinea Tomaso Bottichio - è principalmente l’incontro coi giovani congolesi, con un popolo che soffre ma che ha una grande voglia di costruirsi un futuro migliore. Per noi sarà l’occasione di conoscere questa realtà e scambiarci delle esperienze”. Nei mesi precedenti la spedizione il CSI Vallecamonica ha proposto una serie di iniziative per raccogliere fondi destinati all’acquisto di materiale sportivo. Grazie anche al contributo del CSI nazionale e alle società sportive camune, che hanno regalato divise e palloni inutilizzati dalle proprie squadre, è stato raccolto un discreto quantitativo di materiale sportivo che sarà distribuito, per sostenere la promozione umana attraverso la pratica sportiva, in alcune missioni visitate dai volontari. Il ritorno in Vallecamonica della spedizione è previsto per sabato 20 agosto.

 

 

news 5set2016 dm